Questo blog...

...potrebbe sembrare un blog di cucina...in parte lo è, ma in verità è un blog su di me. Si perchè per me raccontarvi queste ricette è come raccontare me stessa, i ricordi che i profumi della cucina mi evocano. Si perchè per me inventare, sperimentare, è partire dalle cose che ho visto fare per anni, sin da piccola, alle cuoche della famiglia...la mamma, le nonne e le zie...e modificare questo, aumentare qua, e diminuire là.

venerdì 6 agosto 2010

Torta al limone e amarena Ammodomio!!


Scusate ma perchè nessuno mi ha detto niente?!?? Devo aver avuto un attacco di narcolessia come la bella addormentata nel bosco ed essermi svegliata a novembre. Sempre meglio che soffocare dal caldo, però  avrei preferito magari una via di mezzo tra il caldo tropicale e la pioggia autunnale.
Comunque veniamo a noi.....un po' di tempo fa sono tornata a casa dei miei e ho trovato una sorpresa ad aspettarmi.....una graditissima sorpresa che mi ha fatto tornare in mente tanti bei ricordi.

- sai elena, scartabellando tra le cose della zia è saltata fuori questa teglia
- ahhhh me la ricordo, è quella che la zia usava per fare i ciambelloni
- si si è proprio quella. Che dici, la buttiamo? è tutta rigata e ammaccata
- BUTTIAMO?!???? ma stai scherzando? fuori discussione, non se ne parla proprio!!!! Anzi....se tu non la usi me la prendo io (ndr. ne ho altre cento, ma tanto tra 100 e 101 non fa una gran differenza....sempre che riesca a infilarla da qualche parte :-))))
- ahhhhh fortuna che non ho datto retta al babbo che la voleva buttare

Già....fortuna che mia mamma non ha dato retta al mio papy. Orrore...quando ho sentito buttare un brivido gelido mi ha percorso la schiena. Questa teglia è per me legata al profumo delle ciambelle sfornate da mia zia, a quelle belle fette sofficiose che trangugiavo con avidità quando andavo a casa sua. La sua passione era proprio preparare dolci (chissà forse ho preso da lei....). Il suo cavallo di battaglia erano i dolci di carnevale, le sue castagnole e frappe erano veramente strepitose, ma anche con le torte se la cavava bene ;-)
Mia mamma le era molto legata e molti pomeriggi li passavamo a casa sua....mi guardava con sguardo d'intesa e poi diceva che dici elenina facciamo una bella torta? preparavamo la torta insieme e, mentre lei cresceva e cuoceva in forno, il poemeriggio trascorreva tra chiacchiere tra mia mamma e mia zia, e io incollata al vetro del forno a rimirare la magia (lo faccio ancora....quando guardo lievitare qualcosa sento ancora la magia!!!)


Quando ho letto del contest di Ammodomio "Caccavella amore mio" all'istante mi è venuta in mente questa teglia, la caccavella che abita la mia cucina a cui sono più affezionata. Non potevo non partecipare.


E poi lo confesso.....trovo che questa teglia sia terribilmente vintage...mi piace da morire il suo aspetto rustico e un po' rovinato. Per la torta ho preso ispirazione dalla torta al limone e amarena di Tania.
Ero partita con l'idea di farla uguale uguale....è talmente bella con quella venatura interna  donata dallo sciroppo di amarena che contrasta con quello giallo al limone, che mi ero imposta di non cambiare niente...ma poi mi sono accorta di avere poche amarene. Ho optato per usare marmellata di fragole a pezzettoni e un goccio di alchermes per dare colore. Da chi arriva la marmellata di fragole a pezzettoni?!??? non è certo farina del mio sacco....indovinate indovinate....ma sempre da LEI, la mitica Pagnottina!!! anche questa è talmente buona che l'ho proprio centellinata come se fosse oro ;-)
Rispetto alla ricetta di Tania ho anche aumentato un pochino le quantità, comunque riporto la ricetta originale e le mie varianti tra parentesi.

Torta al limone e fragole
Ingredienti per uno stampo da 22cm (il mio da 26):
3 uova
125g di zucchero (150g)
75g di burro fuso (100g)
200g di farina (250g)
100g di maizena
1 bustina di lievito per dolci
la buccia e il succo di 1 limone
un bicchierino di sciroppo all'amarena (2 cucchiai di marmellata di fragole a pezzettoni e 1 cucchiaio di alchermes)
latte se necessario

Procedimento
Montiamo i tuorli con lo zucchero e la scorza del limone finchè a ottenere un composto cremoso. Uniamo il burro fuso e e il succo del limone e mescoliamo. Aggiungete la farina, la maizena, ed il lievito setacciati e il latte se l'impasto dovesse risultare troppo duro. Montiamo a neve ferma gli albumi ed uniamoli al composto mescolando delicatamente dal basso verso l'alto. Trasferiamo1/3 del composto in una terrina ed aggiungiamo lo sciroppo di amarena (nel mio caso la marmellata e l'alchermes) e mescoliamo bene. Versiamo nello stampo il composto giallo e sopra quello rosa (io ho messo a cucchiaiate). Disegnamo dei cerchi con un coltello se vogliamo avere l'effetto screziato. Inforniamo a 180° per 45' minuti circa. Sformiamo e lasciamo raffreddare sulla gratella. Cospargiamo con lo zucchero a velo e serviamo.


E ora che siamo in chiusura.....le scuse. Chiedo scusa a Tania e Ornella per aver giocato con i nomi nel titolo del post, spero non ve la siate presa ;-) E chiedo scusa a voi per la lunghezza del post....se siete sopravvissuti fino a qui avete tutta la mia ammirazione!!!
Stampa il post

21 commenti:

  1. complimenti una magnifica torta, trovo che il gusto del limone si abbina bene con l'amarena, una torta molto originale, complimenti

    RispondiElimina
  2. Non ci crederai ma appena ho aperto il post la prima cosa su cui mi è caduto l'occhio nella foto è stata proprio la tortiera in secondo piano...attrazione magnetica! Ma perchè gli uomini vorranno sempre buttar via tutto?!?!? Qualche volta le mani gli taglierei...(dici che sono drastica?!?!?)
    Ora una bella fetta di quella torta ci starebbe d'incanto, doppiamente buona per averla sfornata dalla "caccavella dei ricordi"
    Un bacione bimba, buon week end e...buone ferie, mi sa che ora ci siamo ;)

    P.S. il forno con dentro qualcosa che lievita tiene incollati molti allo sportello ;)

    P.P.S. io non mi sono affatto annoiata a leggere il post, anzi avrei continuato ancora volentieri. Ora ti annoierai tu a leggere 'sto romanzo di commento :D!

    RispondiElimina
  3. Complimenti sarà sicuramente buonissima!!!
    Un bacio Francesca

    RispondiElimina
  4. Bella, buona e genuina come piacciono a me, a presto!

    RispondiElimina
  5. Umhh buonissima, a me una fetta grazie!!:-))

    RispondiElimina
  6. Buttare quella teglia? Sacrilegio! Ti capisco oggetti così non si possono buttare; i ricordi, e anche le ammaccature li rendono speciali. Torta moolto invitante. Un bacio, Sabri

    RispondiElimina
  7. La teglia è favolosissima, ma io preferisco la torta... anzi, ho una gran voglia di dolci in questi giorni e la variegatura è adorabile!!!
    Davvero sei stata in Uzby? Mi educi?

    RispondiElimina
  8. Chi pronuncia la parola buttare quando si parla delle nostre caccavelle non sa cosa rischia :-D Bella la tua versione della torta con l'utilizzo delle amarene e non c'è nessun motivo per il quale tu debba chiedere scusa, ci mancherebbe, sei stata molto simpatica nel tuo post!

    RispondiElimina
  9. Gunther: grazie mille ma il merito per la torta è tutto di Tania.

    Federica: beh in effetti il taglio delle mani mi sembra un po' drastico ;) si ormai siamo vicini alle ferie...ma una capatina la settimana prossima la faccio prima di partire.

    francesca: grazie mille carissima. Buon fine settimana

    Lory: grazie, ci si risente dopo le vacanze.

    Milla: ok una fetta per te. Ha proprio il sapore del tipico ciambellone da colazione della mamma ;)

    Sabri: la teglia è tutta ammaccata ma a me piace proprio per questo ;) un bacione

    RispondiElimina
  10. Onde99: eheheh come si vede dalla foto la torta è sparita presto ;) tutto merito della ricetta di Tania. L'Uzby è bellissimo, samarcanda poi è una favola!

    Tania: hai ragione, rischia proprio grosso. Un bacione, elena

    RispondiElimina
  11. Buttare???!?
    Questo termine non lo conosco...!!!?!
    Ottimo dolce cara...meno male che oggi qua è tornato il bel tempo, ieri era ottobre!
    bacioni

    RispondiElimina
  12. Simo: grazie mille e un bacione anche a te!

    RispondiElimina
  13. Una torta sicuramente da capogiro....un baso

    RispondiElimina
  14. Buttare una meraviglia simile? Nion sia mai.
    Hai fatto benissimo a tenerla. Certe cose hanno un valore che non si può spiegare. Cosa darei per avere anch'io ancora le teglie della mia nonna.....
    Va beh...bella la teglia, ma anche il contenuto non scherza!
    Torta meravigliosa....
    Un bacione carissima...
    A presto
    Baci

    RispondiElimina
  15. buonissima e bellissima...una coccola tutta da gustare!!bravissima!baci!

    RispondiElimina
  16. questa la devo provare.... è il massimo, e sembra così soffice... gnam!

    RispondiElimina
  17. Ciao!...passavo per caso, ma il tuo blog è davvero interessante e così mi sono iscritta fra i tuoi sostenitori!...complimenti!...se ti va passa dal mio!
    La torta sembra proprio buonissima!brava!

    RispondiElimina
  18. Bellissima preparazione e ....fantastica la tua teglia......la mia mamma in puglia ne ha di uguali e ho pensato che non appena posso me ne porto via qualcuna......kiss kiss mia Elenuccia...

    RispondiElimina
  19. il a l'air succulent et trop tentant en plus je trouve que les deux saveurs se marient à merveille
    j'aime beaucoup la recette
    bonne soirée

    RispondiElimina
  20. Stefy: grazie mille carissima

    Viola: hai proprio ragione, certe cose hanno un valore che va oltre al valore materiale.

    Federica: grazie mille. Un bacione

    Martina: mooooolto soffice. Se la provi fammi sapere.

    Vanessa: ciao Vanessa, benvenuta nel mio bloggino!!! certo che passo da te...vengo subito!

    RispondiElimina
  21. KissKissAnna: eheheh furto di caccavelle ;) ma si dai...che una più una meno magari non ci fa caso :)

    Fimere: grazie mille carissima. Un bacione e buona giornata

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...