Questo blog...

...potrebbe sembrare un blog di cucina...in parte lo è, ma in verità è un blog su di me. Si perchè per me raccontarvi queste ricette è come raccontare me stessa, i ricordi che i profumi della cucina mi evocano. Si perchè per me inventare, sperimentare, è partire dalle cose che ho visto fare per anni, sin da piccola, alle cuoche della famiglia...la mamma, le nonne e le zie...e modificare questo, aumentare qua, e diminuire là.

lunedì 9 giugno 2014

Delle tortine che si credono delle madeleines...


...o delle madeleines che si credono delle rotine?
come oramai noto a tutti, tutto dipende dalla gobba, la bosse in francese, (cosa che ho imparato da Monique. Personalmente non so nulla di francese).  

Tutte le volte che penso gobba mi viene in mente il film Frankenstein Junior, alla famosa battuta “...gobba? Quale gobba?” Che film stupendo, sarcastico, ironico, uno di quei film che ti fa tornare il sorriso anche dopo la giornata più nera, in una parola geniale. Se non lo avete mai visto...malissimoooooo!! dovete assolutamente colmare questa lacuna perché merita veramente. Io l’avrò visto centinaia di volte, ma ogni volta me la rido alla grande. 

Ma torniamo a noi, alla gobba. Sono secoli che volevo sperimentare la creazione di questa famosa gobba, la caratteristica peculiare delle madeleines. Non sono vere madeleines senza gobba. Non avendo lo stampo da madeleines non mi sono mai lanciata nell’esperimento. 
Ma la curiosità di sperimentare la gobba, e la consistenza di questi famosi dolcetti, ho provato a trasformare le famose conchigliette in tortine. 

Dosi e procedimento sono quelli di Monique, quindi riposo in frigo per una notte per avere il famoso choc termico al momento di infornare. Altra cosa importante, la temperatura del burro, deve essere caldo quando lo versate nel composto.
Io ho sostituito il caramello con il limone per avere un gusto più fresco e leggero, più adatto alla temperatura di questi giorni. La consistenza è un po’ diversa da quella dei muffin, è più simile a quello del plumcake. Ne ho decorate alcune con frosting allo yogurt greco e purea di fragole. Si adatta perfettamente al gusto di limone delle tortine

Tortine-madeleines al limone
Ingredienti (per circa 12 tortine)
2 uova grandi 
100 g zucchero 
45 g latte 
1 limone non trattato
150 g farina 
7 g lievito per dolci (mezza bustina) 
150 g burro 

Preparazione
La sera prima: Battere le uova con lo zucchero con la frusta elettrica. Versare a filo il latte. In un pentolino, tenendolo inclinato. Unire la scorza del limone e un cucchiaio di succo. Unire anche la farina setacciata con il lievito e mescolare bene. Far fondere il burro e ancora molto caldo, versarlo a filo nel composto, mescolando con le fruste a bassa velocità. Mettere in frigo, coperto da pellicola per tutta la notte. 
L'indomani, scaldare il forno a 220°. Appena il forno è arrivato a temperatura, tirate fuori dal frigo l'impasto, mescolare brevemente e riempite gli stampini a 2/3. Infornare per 5 min, abbassare il forno a 180° e continuare la cottura per circa 15 minuti. Fate raffreddare su una gratella.


Stampa il post

22 commenti:

  1. Che meraviglia Ele!!!! Complimenti anche x le foto, sono incantevoli!!!
    Sono in partenza, quindi mancherò x un po' ma ci tenevo a lasciarti il mio saluto :-D
    A presto <3

    RispondiElimina
  2. Mi interessa moltissimo il procedimento per ottenere la gobba. La versione al caramello mi tenta molto, ma, effettivamente, con il limone è più fresca ed estiva!

    RispondiElimina
  3. ma guarda, nel dubbio su chi si crede chi, io intanto li proverei così magari mangiandoli mi si sciolgono... i dubbi... ma anche il cuore! ;-) buona settimana elenuccia!

    RispondiElimina
  4. sono dei dolcetti meravigliosi...disturbi di personalità a parte :))))) Un baciotto

    RispondiElimina
  5. Premesso che mi mangio tutto gobba o non gobba, ho letto con interesse tutta la vicenda della gobba che da emerita ignorante appunto ingnoravo! adesso uno ci starebbe benone, brava elena!

    RispondiElimina
  6. non li ho mai fatti ma sembrano eccezionali!!

    RispondiElimina
  7. Che belle Elenuccia, infatti noi nel nostro primo esperimento abbiamo trascurato un po' la questione della gobba, ora che siamo più istruite riproveremo :)
    Fantastica idea di trasformarla in queste tortine deliziose, magnifiche le foto: complimenti!!
    Buona giornata, un bacione!

    RispondiElimina
  8. Io adoro le madelein e questa idea versione tortina mi stuzzica, bella idea per farle a casa al mare dove non ho lo stampo!
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
  9. Mi piacciono moltissimo, le trovo davvero delicate. Guarda, la tua versione è fin più invitante! =)

    RispondiElimina
  10. Amo sia le tortine, sia le madelaines, quindi il gusto qui è doppio! :-) La gobbetta all'inizio mi spaventava, avevo paura non venisse ma per fortuna tutti i tentativi con le madelaines sono andati a buon fine e sono sollevata... quei dolcetti evocativi prima o poi appariranno nel blog ma intanto l'idea di quel frosting rosa la segno! ;-)
    ps: ho provato a far riposare l'impasto tutta la notte e anche solo qualche ora e devo dire che lo shoc termico c'è stato comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era il mio primo esperimento quindi ho deciso di stare dalla parte del sicuro ;-)
      La gobba non è proprio una gobba, ma un po' di cupoletta alla fine è saltata fuori

      Elimina
  11. buone! la prossima volta devi trovare lo stampo giusto :-)
    stupendo quel film!!!

    RispondiElimina
  12. ne è rimasta una anche per me? :-)

    RispondiElimina
  13. ciao cara queste tortine sono belle e di sicuro deliziose....grande come sempre!

    RispondiElimina
  14. Che delizia!! Ma lo sai che le mie prime madeleines avevano proprio questa forma?? Le feci anni e anni fa, quando gli stampi apposta ancora non si trovavano.
    E si che conosco quel film e come te l'ho guardato e riguardato tante di quelle volte! Hai ragione, mette allegria e buon umore.
    Baci cara.

    RispondiElimina
  15. O_O non ho lo stampo e le tue tortine mi piacciono tantissimo ^__*

    RispondiElimina
  16. mai fatte le madeleines... così trasformate poi sono ancora più simpatiche :D
    brava!

    RispondiElimina
  17. Che belle queste tortine con la "gobba" devono essere morbidissime!! IAhaha adoro quel film ed è vero mette sempre di buon umore! Bacioni e buona settimana ^_^

    RispondiElimina
  18. chiamamele come vuoi, cara Elena, ma io le trovo veramente invitanti! E parlavo proprio l'altro giorno con mio marito dicendogli che non ho mai visto American graffiti e Frankenstein junior: lacune assolutamente da colmare! ora vado a leggere la ricetta precedente!

    RispondiElimina
  19. Ma sono simpaticissime!!
    Bravissima Elenuccia!!
    Un mega abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  20. Da quanto tempo non faccio le madeleines, mia figlia adora questi dolcetti. L'ultima volta li ho fatti con il caffè decaffeinato pensando che così erano solo miei e invece mia figlia è stata inarrestabile nel mangiarle.

    RispondiElimina
  21. Strepitosi questi dolcetti!! E "Gobba? Quale gobba?" provoca ilarità incontenibile anche a me!! Mitica Elenuccia, mitiche le tortine che si credono Madeleines!! ;) Buona domenica sweetie ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...